Loading

L’emergenza Covid-19 ha messo la popolazione mondiale in uno stato di allerta tuttora in corso, sia dal punto di vista sanitario sia dal punto di vista economico, con significative ricadute in ambito sociale, che hanno principalmente coinvolto le fasce di popolazione che già vivevano in condizioni di bisogno, di povertà, di isolamento o malattia.

Ad essi si sono aggiunti altri milioni di persone che stanno affrontando all’improvviso incertezze e difficoltà economiche gravi e inaspettate.

Questa iniziativa vuole essere uno strumento per far fronte ai nuovi e molteplici bisogni delle persone, soprattutto quelle più fragili.

A chi si rivolge?

Enti e Istituzioni

Sosteniamo famiglie nel fabbisogno alimentare, Assessorati ai servizi Sociali, Enti, Associazioni e Comunità nella propria “mission”.

In particolare aumentiamo la capacità di azione, la capacità di presa in carico efficace di situazioni di disagio sociale sempre più complesse, una totale gestione delle dinamiche relazionali con l’utenza, con un diffuso snellimento del lavoro burocratico-amministrativo.

Dedicato a coloro che vogliono adottare una soluzione concreta per i propri cittadini in difficoltà.

Famiglie

Esattamente come un’azienda, anche la tua famiglia richiede un utilizzo razionale e oculato delle risorse a sua disposizione. Programmare meglio ogni spesa, avere sempre a disposizione un fondo per le emergenze, ma anche per le cose che ci fanno stare bene. Elaborare il budget in modo facile, analizzare a fondo entrate e uscite, per poi organizzarle in modo ottimale. Tutto comodamente da casa!

La soglia di povertà incide sulla scelta alimentare?

Le fondamentali “regole” da seguire per una sana alimentazione, al fine di conservare un benessere prolungato per tutto l’arco della vita, sono poche e semplici.

La prima regola è che nessun tipo di alimento  dovrebbe essere escluso da una corretta “Dieta Mediterranea”, e dovrebbe essere ricca di alimenti, completa e varia.

Per moltissime persone non è cosi purtroppo! Si tratta 5,6 milioni di persone, il 9,4% della popolazione italiana, di cui circa 1 milione in povertà assoluta, ovvero persone incapaci di raggiungere uno standard di vita accettabile nel nostro contesto. Tra i colpiti soprattutto i lavoratori tra i 35 e i 44 anni e le famiglie numerose.

Questi i dati ISTAT aggiornati che fanno una chiara fotografia della povertà in Italia. 

In realtà la crisi economica causata dal coronavirus ci spinge a voler risparmiare sulla spesa, ma alla fine finiamo per acquistare più prodotti di prima e la maggior parte non in promozione. Come è possibile?

Le ragioni non possono essere certificate dai dati sulle vendite, ma è lecito fare alcune ipotesi che delineano bene il quadro.

La prima di queste è che la grande distribuzione e i produttori abbiano deciso di fare meno promozioni sui prodotti: in questo periodo di “corsa a riempire il carrello” non c’è certo bisogno di invogliare il consumatore a comprare un prodotto che comunque acquisterebbe in ogni caso.

La seconda ipotesi è che i prodotti in promozione (e in genere quelli meno cari) siano i primi ad andare esauriti, con il conseguente ripiegamento del consumatore verso i prodotti che restano sullo scaffale (in genere più costosi e a prezzo pieno).

Dopo questa premessa cosa abbiamo fatto?

Pacco Alimentare

L’iniziativa #socialfood

L’iniziativa è sinonimo di inclusività e dignità, e da la possibilità a chiunque di accedere ad una sana alimentazione equilibrata, sostenendo i produttori del territorio italiano.

Un percorso alimentare pensato e studiato.

Il “Pacco alimentare social food” è stato studiato per offrire un menu sano e bilanciato che soddisfi i bisogni alimentari di un mese di una famiglia composta da 2 adulti e due ragazzi.

Grazie al contributo della dott.ssa Chiara Ferrari, biologa nutrizionista, siamo in grado di offrire una soluzione affidabile per fare la spesa in modo intelligente e salutare, senza dover guardare l’etichetta e i prezzi. 

Abbiamo scelto con cura i nostri fornitori, la loro qualità, il prezzo ea provenienza d’origine; la ricerca di produttori italiani, nella filiera alimentare di prima necessità in un momento di crisi era importante per sorreggere anche le nostre imprese italiane, i nostri “Farmer” con le mani nella terra.

Successivamente si sono abbattuti tutti i costi del marketing, che di norma gravano sul prezzo a scaffale fino al 50% del suo valore, per avere prodotti di qualità “sempre in promozione”, ad un prezzo giusto e reale.

Infine offriamo un servizio specializzato di consegna a domicilio!

Semplice, veloce e affidabile, un servizio efficiente con un occhio di riguardo per le persone più fragili come gli anziani.

Grazie al nostro operato nessuno si sente di 2° categoria!

E’ nata così, con orgoglio, un’iniziativa tutta Italian in grado di nutrire una famiglia a 243€ al mese. 2€ al giorno a testa!!!

 

Per saperne di più www.paccoalimentare.org

Se vuoi acquistare il tuo Pacco Alimentare #socialfood clicca qui

#socialfood #paccoalimentare #MangiaSanoMangiaItaliano

Pin It on Pinterest

Share This